HATE & MERDA - La Capitale Del Male: recensione


Artista: Hate & Merda
Titolo: La Capitale Del Male
Genere: Post-Hardcore, Sludge. Industrial, Ambient
Anno di uscita: 2016
Provenienza: Italia
Etichetta: Sangue Dischi, Dischi Bervisti, Shove Records, Toten Schwan Records, Zas Autoproduzioni Records, Icore Produzioni, UTU Conspiracy e DioDrone.
Voto: 80/100

C'era una volta Gioia, ed insieme a sua sorella Speranza,

portavano i loro doni in giro per il mondo; poi, un giorno, furono violate e mortificate in ogni fibra del loro essere, in ben sette, interminabili episodi di lucida e disarmante follia. Dopo che l'ordalìa fu terminata, Gioa fu trovata morta con una siringa nel braccio nel più lercio vicolo della periferia, Speranza si impiccò poco dopo ad una trave di un motel a ore, tra prostituite e papponi.

Goodbye Gioia! Sayonara Speranza! Ben Arrivati Hate & Merda!

Figli degeneri dalla moderna società mediatica fatta di stupri e massacri alternati a sfoggio di carne umana in reality show di serie Z , il duo in questione ci delizia le orecchie con il loro messaggio crudo ma diretto, in cui nulla, ma proprio nulla merita di essere salvato, e lo fa con sette episodi di abrasivo e putrido post-hardcore che amoreggia ben volentieri con lo sludge più catartico ed il noise-ambient potente ed ossianico di ultima, devastante generazione.

Patterns di batteria si contorcono su se stessi accompagnati da fangosi e slabbrati riffs di chitarra, in cui il feedback ed il dalay sono parte integrante della loro struttura, e su tutto si ergono urla gelide ed accusatorie, che lanciano proclami ed invettive alternati e sussuri disperati e malati. l'assalto è costante, ed il disagio ed il mal di vivere in cui ci fanno scomodamente vivere gli Hate & Merda per tutta la durata di "La Capitale Del Male" è senza ritorno, e giunti al termine del quadro sonoro esposto ( anche se è più corretto dire "sbattuto in faccia"), la senzazione di sconfitta è quasi palpabile e visibile ad occhio nudo.

La produzione e il suono è volutamente lo-fi, qui non ci sono grandi produzioni o suoni leccati per soddisfare il nostro raffinato palato uditivo, qui c'è solo il malessere sonico, pensato e studiato per un'unico scopo, quello di lacerare lo stomaco e far più danni possibili, come una bella carica di palletoni a bruciapelo.

Disco difficile, spesso disturbante e disturbato, "La Capitale Del Male" è consigliato a chi ha orecchie ormai brasate da ascolti ripetuti e reiterati di gente come Today Is The Day, Converge, Fudge Tunnel, Eyehategod e gentaglia de(l)genere, il resto del mondo può ignorarli, come sempre quando si ha paura di affrontare la dura e vigliacca realtà delle cose. Per molti ma non per tutti.

TRACKLIST

01. La Capitale Del Male 02:58
02. Foh 05:29
03. L'Inesorabile Declino 04:39
04. In Itinere 06:27
05. La Capitale Del Mio Male 06:27
06. Profondo Nero Senza Fine 03:06
07. Vai Via 09:01

FORMAZIONE

unn1 - metals / drums.
unn2 - strings / vocals.

CONTATTI

https://www.facebook.com/pages/Hate-Merda/1391250207810340
diodrone.bandcamp.com

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.