C.O.P. UK - No Place For Heaven: recensione

Artista: C.O.P. UK
Titolo: No Place For Heaven
Genere: Melodic Hard Rock
Anno di uscita: 2016
Provenienza: UK
Etichetta: UDR
Voto: 87/100

I C.O.P. UK (leggasi Crimes Of Passion), nati nel 2005 a Sheffield, arrivano oggi, nel 2016, alla pubblicazione del loro album migliore di sempre: No Place For Heaven, distribuito dalla UDR Music.

Il loro melodic hard rock, forte di influenze moderne tanto quanto di spunti dati dal classico hard rock anni '80 di Def Leppard e compagnia bella, è maturato ed è diventato finalmente personale, lontano dagli scimmiottamenti plurimi di inizio carriera. Oggi la band scrive canzoni solide e differenti l'una dall'altra, è supportata da suoni di produzione eccellenti e bombastici, ha un team alle spalle che ne esalta il groove (Sacha Paeth siede in cabina di regia), e di tutto ciò giova anche il songwriting, mai così eccellente per ciò che concerne i refrain e la loro orecchiabilità immediata. Così, già un traccia come l'opener The Core, capace di mescolare il sound metal dei Saxon all'hard rock di scuola Leppard, è già capace da sola di dimstrare i netti passi avanti, anche tecnici, nell'esecuzione del gruppo. Analogamente si muove My Blood, mentre la mid-tempo Kiss Of An Angel, non a caso uno dei singoli del platter, ha tutto un altro carisma, merito del cantante Dale Radcliffe ma anche di una cura delle melodie in precedenza messa in minore rilevanza. E, prima del giro di boa, ci godiamo un'altra cavalcata di potenza con Take It To The Grave, un nuovo momento soft di fino e gran classe con la title track No Place For Heaven (ballad antemica), e un avvicinamento al genere AOR con ikl brano Burn Hell.

La side B ha invece avvio con la violenta e rimata Halo, fresco brano vicino ai canoni heavy metal, e con Catch Me If You Can, una canzone che mette in risalto il grande riffing dei due chitarristi Charles e Andy. Infine, prima della chiusura, No Mans Land ha la struttura di una nuova pregievole ballad, in totale contrasto con One In A Million, sicuramente il brano più aggressivo del platter. Cala così il sipario Stranger Than Fiction, lento più ispirato del precedente che esegue molto bene il compito di fare da finale a un album di tutto rilievo e dai grandi momenti, che consacra il nome dei C.O.P. UK sul piano internazionale, lasciando aperto l'orizzonte davanti agli occhi di questi musicisti. Sarà ora tempo di raccogliere i frutti della lunga gavetta, raggiungendo finalmente la fama e il successo? Ai posteri l'ardua sentenza..

TRACKLIST

1. The Core
2. My Blood
3. Kiss Of An Angel
4. Take It To The Grave
5. No Place For Heaven
6. Burn Hell
7. Halo
8. Catch Me If You Can
9. No Mans Land
10. One In A Million
11. Stranger Than Fiction

FORMAZIONE

Dale - Vocals
Charles - Guitar
Andy - Guitar
Kev - Drums
Scott - Bass
Henning - Keyboard

CONTATTI

http://copuk.com/

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.