Tra magliette, poster, e felpe, tutti i gadget che hanno fatto la storia del Metal






Chiunque di noi ha almeno un amico che indossa regolarmente t-shirt di gruppi metal. Non sempre però, come avete probabilmente notato, si tratta di metallari accaniti, che fanno della musica Metal il proprio stile di vita, ma anche di ragazzi che, semplicemente, amano quel particolare disegno oppure ostentano l'appartenenza ad un genere musicale che, in realtà, conoscono a malapena. È la moda e, come tutte le mode, ha i suoi adepti sinceri ed i suoi falsi d'autore, che indossano magliette o gadget originali ma che, in realtà, amano semplicemente sfoggiare una conoscenza che non gli appartiene. Vediamo quindi insieme come si sviluppa questa affascinante connessione fra metal e merchandising.

Gli autentici seguaci del Metal
La moda delle magliette con i loghi o i disegni rappresentanti gruppi musicali, concerti o semplicemente album, è nata intorno agli anni '70-'80, quando esplose a livello giovanile la moda dell'heavy metal, del power metal e dell'epic metal. Tutto partì dagli spettacolari Iron Maiden, e non è un caso che le magliette ed i gadget più diffusi, come poster e felpe con cappuccio, rechino sul loro tessuto o carta il faccione del mostro di turno della heavy metal band britannica. Ancora oggi, il mondo è pieno di fan di questa banda, e non è assolutamente raro incrociare qualcuno che indossi la loro t-shirt, soprattutto se si frequentano certi locali e certi pub. Purtroppo, i puristi degli Iron Maiden sono costretti anche a sorbirsi il lato commerciale di questa fama: sono tantissimi i ragazzi che non amano particolarmente il metal, ma che comunque indossano questa o altre t-shirt di gruppi metal famosi come i Pantera (per via del
disegno del bellissimo animale), i Ramones, i NoFx ed i Manowar. Per non parlare dei Kiss che, con le loro maschere dal trucco bianche e nere, hanno lanciato un autentico trend che ancora oggi, a oltre 35 anni di distanza, resiste alle mode più recenti: tra l'altro i Kiss vanno particolarmente di moda anche a carnevale e halloween, e non è raro trovare bancarelle con maschere del genere. È inoltre interessante vedere come, con la nascita di Internet, il merchandising legato alle band metal si sia trasferito anche sugli store online. Tra questi va citato il famoso merchandisingplaza.com, un web-store dove è possibile comprare ogni tipo di magliette di gruppi metal a prezzi spesso molto convenienti, queste magliette sono adatte sia ai fan più sfegatati, sia a chi invece preferisce il disegno della t-shirt alla musica che esso rappresenta.

La dura legge del merchandising
Il metal è stato spesso considerato un genere musicale adatto agli “anti-eroi”. Le sue canzoni infatti raffigurano spesso battaglie perdute, di gloria ottenuta in modi abbastanza discutibili, di morte, di una epicità che non si contraddistingue certo per l'eleganza e la raffinatezza. Una delle canzoni più famose del genere è The Clansman degli Iron Maiden, che racconta le gesta di William Wallace, l'eroe scozzese raffigurato dal famoso film con Mel Gibson Braveheart. Il metal quindi può essere definito una sorta di contro-cultura che, come tutte le contro-culture, è finita per ottenere con l'andare degli anni il risultato opposto, trasformandosi essa stessa in una moda. Questo, però, non significa che abbia perduto il suo significato originario: il metal, ancora oggi, è in grado di radunare una mole di appassionati notevole, sempre in cerca di una nuova melodia e, perché no, di una nuova t-shirt da indossare con orgoglio.



Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.