FIM 2015 - Giorno 3 @ Fiera Di Genova

Benvenuti all'edizione 2015 della Fiera Internazionale della Musica, in programma anche quest'anno alla Fiera di Genova nei giorni 15-16-17 maggio.

Un vasto, che dico, vastissimo cartellone di eventi forma anche il bill del terzo e ultimo giorno, che presenta per i rocker sul palco verde un gustoso Prog Festival e sul palco blu gli show di alcuni protagonisti della scena Nazionale e Mondiale, poi omaggiati o premiati sul palco secondo lo stile dei concorsi televisivi.


Ad aprire le danze sul Palco Verde sono i FEM, prima vera rivelazione del festival con il loro progressive arioso e forte di testi cantati in italiano davvero ispirati e stupendamente interpretati dal loro bravissimo cantante. Il caldo afoso non ferma una prestazione da incorniciare, accolta con sentimento dai primi spettatori presenti nell'arena, rapiti dalla bravura di questi grandi musicisti.
Dopo di loro, i Logos, realtà prog in stile tradizionale, che si fa notare per la mancanza di chitarre, sostituite da un basso sempre in primo piano e da un ricco intreccio di parti tra tastiere e sintetizzatori. Seppur più statici on stage rispetto ai loro predecessori, riescono nel compito di stupire ed infiammare la platea, che resta silente ma attenta ad ascoltare le trame intricate di questa musica.

Quasi quaranta anni dopo, ecco ritornare sui palchi i Cherry Five, primordiale incarnazione dei Goblin, con Carlo Bordini alla batteria e Antonio "Tony" Tartarini alla voce. Forse il miglior show della giornata. Forti del perfetto innesto dei nuovi compagni, questi rocker progressivi romani tirano fuori dal cilindro una prestazione solida e ineccepibile tecnicamente, che sbaraglia la concorrenza grazie alla bellezza delle trame e al groove perfetto che solo i giganti sanno creare. Che dire? Tutto fila a meraviglia e la setlist pare azzeccata sia per ciò che concerne i pezzi storici, sia per i nuovi, i quali sono ben accolti dal buon pubblico riunitosi ai bordi del palco. Il ritorno magnifico dei maestri.

Se di Bernardo Lanzetti (ex PFM) & Beggar's Farm mi concedo il lusso di ascoltare sono un paio di pezzi, beccando in pieno il magifico finale con la riproposizione della storica Impressioni di Settembre, di Luca Colombo (prima chitarra del Festival di Sanremo) mi godo invece un breve concerto a cinque stelle sul palco blu degli Awards, che lascia a bocca aperta il pubblico grazie a una tecnica e un tocco alle corde unico e riconoscibilissimo. Dopo di lui, la solita Veronica De Simone, che si esibisce in modo impeccabile per la terza volta in questo fest. La sua musica, tra cover e pezzi propri, mamma mia, da i brividi, e la reazione della folla è la solita: stupore. Il top del suo concerto? Ancora una volta Puoi Scegliere e Nuvole Che Passano, i suoi brani inediti. Che bella anima e che grande musicista che si nasconde dietro a quegli occhioni azzurri..

Un po di meritato riposo e rieccomi al Palco Blu per lo show dei Sonhora, fino ad oggi da me definiti come ''i Nelson italiani''. Devo però, ahimè, in parte ricredermi nei loro confronti e scemare un po' le mie lodi, perchè il concerto acustico a cui ho assistito non è stato purtroppo esente da difetti, con l'alchimia tra i due fratelli che si è andata a perdere in diverse situazioni. Serata storta o perdita di feeling artistico?! Non so, ma non mi sono divertito. Male.
Per fortuna ci pensano i Dhamm a risollevare le sorti dell'evento, con un brevissimo spettacolo acustico che, sigh, gli è stato costretto vista la defezione momentanea del bassista e del batterista, impegnati altrove. Non importa, anche se dimezzati, Alessio Ventura e Dario Benedetti non mancano di strappare applausi, tra pezzi del nuovo album, una chicca targata Sautiva, e la bellissima Irene che li lanciò nel 1994 tra i big della musica italiana. Mi sono fatto autografare ogni cosa, non dico altro.

UT New Trolls, Palco Verde. Bel concerto, tanta tecnica, belle voci, ma onestamente ho trovato la formazione un po' fredda, tanto professionale ma poco espressiva. Lo show fila però liscio, la band calca con grande stile il palco, le note scorrono e divertono i tanti, le canzoni sono quelle giuste. In una scala da uno a dieci, darei comunque un bel sette e mezzo al gruppo guidato dai due componenti storici Gianni Belleno e Maurizio Salvi, giganteschi e sempre in spolvero.
Chiudono la FIM 2015 loro, i Goblin Rebirth. Quando si tratta di musica progressiva vissuta dal vivo è sempre difficile esprimere in poche parole le emozioni provate in un'ora e mezza abbondante di musica che è, in questo caso, strumentale. Sappiate solo che i Goblin Rebirth sono usciti vincitori e che hanno radunato forse la folla più vasta della tre giorni assieme a Ken Hensley. Per il resto, Profondo Rosso e le altre hit suonate open air, al buio, assieme a un pugno di inediti (molto belli) valgono già da sole il prezzo del biglietto. La sezione ritmica originale del gruppo è stata devastante. Paura, emozioni, brividi! Non so che altro dire, mozzafiato in una resa sonora praticamente perfetta.

 

Concedetemi un piccolo spazio conclusivo nel quale possa parlare apertamente del concerto e della sua organizzazione. Sarò breve. Se l'anno scorso avevo criticato molti degli aspetti legati alle gestione dei tempi sul palco e non solo, oggi mi trovo in dovere di evidenziare gli enormi passi avanti in questo senso. Salvo qualche ritardo sul Palco Blu nei primi giorni di manifestazione, tutto il resto è filato liscio. Si può, e si deve, migliorare ancora, secondo me siamo al 70% scarso del potenziale di questo evento. Ma la via intrapresa è la migliore. Ora per l'annno prossimo pretenderei qualche nome di maggiore spessore, che possa far salire il numero di presenze a bordo palco, specie nel Palco Verde, da un paio di centinaia a qualcosa di più. Magari con un terzetto di nomi che siano in passaggio escluisivo alla FIM e da nessun'altra parte d'Italia, così da attrarre più gente da Torino, Milano e dintorni. Gli spazi ci sono, serve solo il coraggio di osare. Forza FIM, che quest'anno ci siamo davvero divertiti assieme!!


Per vedere la galleria di immagini della FIM 2015: clicca qui.

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.