Melissa Etheridge - This Is M.E. - Recensione

Artista: Melissa Etheridge
Titolo: This Is M.E.
Genere: Pop Rock
Provenienza: ITA
Anno di uscita: 2015
Etichetta: SPV Recordings
Voto: 82/100

Con un bagaglio di cinque dischi di platino, o pluriplatino, raccolti in oltre 25 anni di onorata carriera, la leggendaria pop rocker statunitense Melissa Etheridge ritorna sulle scene con il suo album in studio numero tredici, intitolato This Is M.E., e disponibile a giorni per la label SPV Recordings.

Con questo album, la Etheridge da una netta svolta alla sua carriera ed esce indipendente (è infatti recente l'addio alla label storica Island Records). Inoltre, la musicista non si occupa da sola del songwriting, ma collabora con compositori del calibro di Jon Levine, Jerry Wonda e Roccstar. Da questo nuovo sodalizio nasce un album diverso dai precedenti, più fresco e moderno, talvolta intimo, altre volte corale e di pura impronta pop, con la chitarra della musicista presente, ma più in secondo piano. Meno alla Springsteen (suo idolo di sempre), e più alla Bon Jovi moderno (per intenderci), il disco si presenta come una raccolta di tracce radiofoniche per loro stessa definizione, e ricche di motivi catchy e di ritornelli di primissimo impatto, adattissimi per il mercato di oggi. L'energia dell'artista emerge forte nella sua vocalità, carica di grinta, e in testi molto ispirati, che Melissa interpreta alla perfezione, con carisma e capacità, rendendoli propri come solo le grandi star internazionali sanno fare. Bombastica e perfetta infine la produzione, che regala all'insieme una chiara impronta pop e moderna.   

Passando ad esaminare la tracklist, è affidato a I Won`t Be Alone Tonight il compito di aprire questo platter, ricordando nello stile il Bruce Springsteen di Wreking Ball. Primo singolo e video, Take My Number è un bel motivo pop rock da classifica, di grande intensità nelle strofe e nell'arioso ritornello, che vi troverete dopo pochi istanti a cantare in coro assieme alla splendida voce della cantante. Riuscitissima anche la slow-tempo A Little Hard Hearted, colma come è di sentimento ed emozioni a crescere, con la intima Do It Again che, a lungo solamente acustica, mette in risalto tutta la forza di questa donna, salendo di intensità anch'essa nel finale. Monster è invece pop puro, e una canzone che, se avrà la fortuna di essere ben promossa, girerà all'infinito nelle radio americane. Diversamente, Ain`t That Bad è una traccia davvero grintosa e di carattere, con chitarre in risalto e un bel ritmo rock a cementificare un ritornello molto orecchiabile. Bene anche All The Way Home, che riprende un po' lo stile dell'opener, ma con un piglio più moderno, e Like A Preacher, un'altra potenziale hit grazie alle sue melodie ariose e di facile ascolto. Chiudono il platter Stranger Road, nuovo pezzo da dieci in pagella, con un refrain da antologia del pop rock, la folkeggiante ma commerciale e fresca A Little Bit Of Me, e infine Who Are You Waiting For, dolce motivo intimo e raggiante, che pone la parola fine su un album diverso, e forse su un tassello unico nella ricchissima carriera di Melissa Etheridge. Una donna coraggiosa, che nella musica contemporanea dimostra sempre di sapere il fatto suo.

TRACKLIST

1. I Won`t Be Alone Tonight 4:28
2. Take My Number 3:55
3. A Little Hard Hearted 3:49
4. Do It Again 2:59
5. Monster 3:29
6. Ain`t That Bad 3:12
7. All The Way Home 4:14
8. Like A Preacher 4:05
9. Stranger Road 3:25
10. A Little Bit Of Me 3:26
11. Who Are You Waiting For 4:07

CONTATTI

http://www.melissaetheridge.com/

VIDEO

https://www.youtube.com/watch?v=zX5UO4lYsxA

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.