Impera - Empire of Sin - Recensione

Artista: Impera
Titolo: Empire of Sin
Genere: Hard Rock
Anno di uscita: 2015
Provenienza: Internazionale
Etichetta: Escape Music
Voto: 83/100

Empire of Sin è il titolo dell'album numero tre del supergruppo Impera, capitanato dal batterista J.K. Impera, e con tra le fila nomi di spicco della scena hard rock come quelli di Matti Alfonzetti, Tommy Denander e Mats Vassfjord.

In uscita il 23 gennaio per la Escape Music, questo disco prosegue sulla buona scia dei suoi predecessori, presentando un hard rock melodico ma roccioso, ricco di riff possenti e solidi, abbinati a tanto groove e a una vocalità ariosa ed energica del lead singer Alfonzetti. Una buona produzione mantiene caldo e avvolgente il sound, e il mood leggermente cupo e bluesy degli strumenti colora di nero il songwriting e le melodie delle undici canzoni che compongono il platter.

Concentrandoci sui brani, la granitica opener The Beast Is Dead e Evil (Become A Believer) donano all'album una immediata impronta maschia e potente, da mille e più decibel di emozioni rock. Diversamente, alleggerisce il peso dell'opera la bella Don't Stop, una traccia dai forti rimandi al sound dei primi Mr.Big, seguita da una mastodontica Hole In The Sky, il cui muro sonoro supera i confini dell'hard rock melodico, per entrare nella tradizione classica e settantiana del genere. Fanno da spartiacque tra le due metà del disco End Of The World, una mid-tempo più ariosa delle precedenti tracce e più corale, e Thunder In Your Heart, bell'esempio di hard rock caldo ed avvolgente, prima di una Lights In The Sky che, finalmente (?), apre le nubi che coprivano il disco, lasciando mano a mano intravedere la luce e il cielo azzurro, tra magistrali vocalità e bei riff di chitarra.

Un nuovo momento magico sarà poi vissuto con la ballad blues Darling, gioiello di sentimento e calda sensualità, prima di Lost Boy, un bel componimento rapido e compatto che aggiunge valore al lotto di canzoni in esame. Chiudono la preziosa Fly Away, che lascia definitivo spazio all'ugola di Alfonzetti, e Never Enough, una traccia che non perde in nulla rispetto alle dirette inseguitrici, consacrandosi di fatto come un nuovo successo degli Impera. Per un platter vario, maturo ed ispirato, che eleva il talento dei singoli e dell'insieme, e che non deluderà in alcun modo i fans di questo celebre supergruppo.


TRACKLIST

01. The Beast Is Dead
02. Evil (Become A Believer)
03. Don't Stop
04. Hole In The Sky
05. End Of The World
06. Thunder In Your Heart
07. Lights In The Sky
08. Darling
09. Lost Boy
10. Fly Away
11. Never Enough

FORMAZIONE

Matti Alfonzetti - voce
Tommy Denander - chitarra
J.K. Impera - batteria
Mats Vassfjord - basso

CONTATTI

http://www.impera.org/

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.