Il Diario di Disco Club - Giancarlo Balduzzi - Libri - Recensione

Titolo: Il Diario di Disco Club
Sottotitolo: Memorie di un Dischivendolo
Autore: Giancarlo Balduzzi
Anno: 2014
Genere: Diario
Casa Editrice: /
Prezzo: € 16,00 (compra)
Pagine: 377
Voto: 9.5/10

Disco Club, da sempre saldamente ancorato al suolo di via S. Vincenzo 20r a Genova, è dal 1965 il luogo di riferimento per gli amanti della musica genovesi, e uno dei negozi di dischi indipendenti più antichi d'Italia. E Il Diario di Disco Club, scritto dal palmo del proprietario Giancarlo Balduzzi, è il racconto di tutto quello che può accadere nel corso di 365 giorni vissuti all'interno delle mura di uno dei pochi rivenditori stabili sopravvissuti alla grande crisi del nostro Paese, e del mercato musicale globale.

Scritto in modo facile e scorrevole, e con piglio divertente e divertito, il diario promette al lettore di raccontare sempre 'la verità, e nient'altro che la verità', come è precisato subito dallo stesso autore, resosi anche lui conto che le (dis)avventure che andrà a narrare nel libro saranno così tanto grottesche e incredibilmente irreali, da essere difficilmente prese per vere anche dai frequentatori fisici del negozio (come il sottoscritto). Figurarsi per quelli virtuali!

E infatti, tra domande troppo stupide per essere state poste, errori o incomprensioni troppo incredibili per essere realmente accaduti, barzellette troppo anti-ironiche per essere state realmente raccontate, espulsioni dal locale troppo folli per essere davvero successe, etc, etc, etc, corrono le giornate di Disco Club. Come se varcata la soglia si entrasse in un universo temporale, tutto all'interno di quei quattro muri genovesi si evolve lentamente, ogni cosa si muove in cerchio (e come il gatto, si morde la coda), con nulla (o poco) che muta mai nel tempo. I personaggi? Sono quasi sempre gli stessi, e impararete ad amarli e a riconoscerli anche senza le precisazioni dell'autore. I luoghi? Beh, al massimo si arriva a una vicina fermata del bus, ma sono anche loro sempre quelli. Le giornate? Pioggia, sole, neve o vento, sempre aperti. E' un motto. I clienti? Sempre anziani, quasi sempre uomini, quasi mai giovani. Le richieste? Una su tutte, l'arrivo del pacco di prenotazioni dal distributore Olandese. Le chiaccherate? Musica, calcio, politica, donne, e poco altro..

Ma, nonostante questa imposta ripetitività, nelle 380 pagine de 'Il Diario' si ride, ci stupisce, persino si impara e si scopre qualcosa di nuovo. E ci si commuove in un nostalgico ricordo, e si piange ricordando un amico che non c'è più, e poi si ironizza, e si ci fa gli scherzi, e si ci arrabbia, e si gioisce. E intanto, la porta di via S. Vincenzo 20r a Genova è sempre lì, aperta e pronta a stringere tra le sue braccia un nuovo figliolo smarrito, o un amico solo o in cerca di cure, o un povero pazzo che più non sa dove andare. Lo dice Balduzzi a più riprese nel suo libro: quando sarà il momento, Disco Club si trasformerà in una Casa di Riposo per vecchi musicofili, dove ognuno possa portare fino alla fine dei suoi giorni questa corrente di scambi di idee, storie, musica e passioni. Come in una grande famiglia. Perchè senza Disco Club, in troppi non potrebbero vivere.

1 commento:

  1. Alessandro Barbero11 ottobre 2014 19:05

    Disco Club è veramente un luogo culto della musica genovese. Anzi, credo che sia rimasto l'unico luogo culto a Genova.

    RispondiElimina

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.