Mike Tramp - Museum - Recensione

Artista: Mike Tramp
Titolo: Museum
Genere: Rock acustico
Provenienza: DK
Anno di uscita: 2014
Etichetta: Target Records
Voto: 94/100


Dopo i consensi unanimi ricevuti con Cobblestone Street (2013), Mike Tramp, ex voce degli storici White Lion, prosegue la sua avventura acustica con Museum, il suo nuovo album solista in uscita per Target Records il 18 agosto.

Nuovamente, l’ascoltatore si trova immerso in un disco semi-acustico ed essenziale nei suoi arrangiamenti, che ripropone l’ottimo lavoro di mix & mastering di Søren Andersen, e che torna a guardare nel bagaglio di influenze musicali dell’artista danese, mettendo in primo piano le sue emozioni, i suoi pensieri, la sua persona. Nelle parole dello stesso Tramp: “Museum non è un lavoro che devo terminare per andare avanti, ma un’altra pagina del mio diario. Il mio dolore e la mia rabbia, il mio amore e la mia gioia, sono qui perchè tutti possano darci uno sguardo. Non c’è finzione o trucco nel mio ‘Museo’, ma tanta verità, cuore ed anima.”
 
Leggermente più solare e meno cupo e nostalgico del predecessore, questo platter entra nel cuore dell’ascoltatore grazie alla solita grande voce di Tramp, carismatica e densa di feeling. Accompagnato dalla sua sola chitarra acustica, e da qualche base soffusa in sottofondo, Mike si dedica con vera passione alla composizione di testi profondi e sinceri, che fanno riflettere e talvolta persino commuovere il fan. Sono letteralmente sensazionali, in questo senso, canzoni dense di speranza come la colorata New World Coming, o come l’emozionante Better, con il polveroso blues rock di Down South a farla da padrone nella parte iniziale dell’album. E mentre l’opener Trust In Yourself pare l’esatta continuazione di Cobblestone Street, il ritmo più baldanzoso di Freedom ci trasporta verso nuovi panorami, spingendoci a nuove riflessioni con l’intima Commitment.

Particolare poi la base che sostiene And You Were Gone, che spinge il pezzo verso un ritornello arioso, ma particolarmente triste. E’ questa sicuramente un’altra grande canzone, al pari di Slave, traccia energica e rafforzata da uno dei pochi suoni elettrici di chitarra presenti sul disco. Chiudono questo nuovo capitolo discografico della vita di Mike Tramp la sincera e nostalgica Mother, e Time For Me To Go, un grande commiato dal gusto folk, apoteosi del genio indiscusso di questo unico artista danese.

TRACKLIST

01 Trust In Yourself
02 New World Coming
03 Down South
04 Better
05 Freedom
06 Commitment
07 And You Were Gone
08 Slave
09 Mother
10 Time For Me To Go

FORMAZIONE

Mike Tramp – Guitars / Vocals

CONTATTI

miketramp.dk/home

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.