Harlott - Origin - Recensione

Artista: Harlott
Titolo: Origin
Genere: Thrash Metal
Anno di uscita: 2014
Provenienza: Australia
Etichetta: Punishment 18 Records
Voto: 97/100

Habemus thrash! Ci arriva oggi dall'Australia, tramite la label Punishment 18 Records, l'incredibile album di debutto degli Harlott, intitolato Origin: un nuovo vero capolavoro di thrash metal in stile anni ottanta!

Se, come già detto in altre centinaia di occasioni, la scena revival del genere thrash si è già da tempo posta in rilevo grazie alla qualità dei suoi interpreti, succede invece solo di rado di trovare delle registrazioni così convincenti in senso assoluto da farci sollevare dalla seggiola e urlare a gran voce al miracolo, al ritorno pieno del sound e dello spirito degli '80s. Accade raramente, e oggi con questi australiani, che tirano fuori dal cilindro un disco in perfetto stile Testament, Slayer, Kreator, Toxic Holocaust, quindi di chiara impronta USA ma con rimandi anche alla furia dello speed teutonico, e non solo. Origin si mette in luce come un platter vario ed ispiratissimo, fatto di dodici tracce dinamitarde e dal riffing aggressivissimo, lacerante, dannatamente rapido e compatto, con una sezione ritmica roboante e una espressiva vocalità a condire un insieme valorizzato da una produzione sinceramente over the top nei suoi suoni!

E la opener e title track Origin riesce subito a mettere in chiaro la portata enorme di questa registrazione, grazie a un mastodontico lavoro chitarristico di derivazione heavy e a una grande prova allo scream di Andrew Hudson, sugli scudi poi lungo l'intero disco. Parlavamo prima di cattiveria e rapidità d'esecuzione, ed ecco che in questo senso appare intramontabile Ballistic, una brano brevissimo ma indimenticabile davvero, figlio di quei primi Slayer che scossero le nazioni con la loro rabbia nella seconda metà degli anni ottanta. Ma gli Harlott sanno anche essere levigati, virtuosi e quasi intellettuali, ed ecco che Export Life ci schiaffa in faccia tutta la tecnica (anche compositiva, non solo strumentale) di questi ragazzi, con un songwriting un po' alla Megadeth, progressivo e curato, vera ciliegina sulla torta di questa produzione. Indimenticabile infine, a chiudere una nuova serie di anthem del genere thrash, la conclusiva Not Long for this World, che alterna aggressività e groove a momenti di apparente calma e melodia, dimostrando ancora una volta tutto il valore di questo combo che, a recensione ultimata, possiamo ormai definire senza timore unico nel suo genere.

Che ci crediate o no, Origin è molto probabilmente un'album degno della top ten assoluta delle produzioni thrash metal post anno 2000. Tra rimandi all'heavy, allo speed, al death e all'hardcore, il thrash di questi australiani ci folgora e ci urta, risvegliando nei nostri cuori nostalgie e ricordi. Tra rimandi al sound del passato, ma con uno stile solido e personale, degno solo dei grandi compositori.. 

TRACKLIST

1. Origin
2. Effortless Struggle
3. Ballistic
4. Heretic
5. Export Life
6. Hierophobia
7. Kill
8. Infernal Massacre
9. Regression
10. Virus
11. Ultra Violence
12. Not Long for This World

FORMAZIONE

Tom Richards – Bass, Vocals (backing)
Dan Van Twest – Drums
Andrew Hudson – Guitars (lead), Vocals (lead)
Ryan Butler – Guitars (lead)


CONTATTI

www.harlott.com.au

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.