Daisa Munhoz (Vandroya) - Intervista

Tra le massime rivelazioni musicali di questo 2013, i brasiliani Vandroya hanno ottenuto consensi in tutto il mondo grazie al loro disco di debutto One, piccolo gioiello di progressive power metal cantato al femminile, uscito a inizio anno per la Inner Wound Recordings.

Stupiti e sorpresi dalla qualità di questa release, noi di Rock-Metal-Essence.com abbiamo deciso di non farci sfuggire l'occasione di scambiare due parole con la giovane cantante Daisa Munhoz, fuoriclasse vocale e grande interprete del genere proposto da questa formazione.

Un ringraziamento come sempre a Emanuele Risso per il lavoro di traduzione delle mie domande dall'italiano all'inglese.

Benvenuta Daisa, è un piacere intervistarti per Rock Metal Essence.com

Piacere mio. Molte grazie.

Vorrei iniziare con qualche domanda sulla tua vita. Quando hai deciso che saresti voluta diventare una cantante, e come sei diventata una professionista?

Sono nata e cresciuta in una famiglia di musicisti, quindi non avevo molta scelta, certamente sarei entrata nel mondo musicale. Ho iniziato cantando in chiesa con mia madre all'età di 9 anni e successivamernte ho preso parte a diverse band e progetti. Poi mi avvicinai al rock and roll, e quando ti appassioni a quello, non c'è più ritorno.

Quali sono le tue principali influenze musicali?

Ce ne sono molte. Sono cresciuta ascoltando molti stili e ho avuto molti eroi, ma Robert Plant e Ann Wilson sono in cima alla mia lista.

Hai suonato in altri progetti prima dei Vandroya?

Si, ho iniziato con una prima formazione all'età di 14 anni. Tutte le band a cui ho preso parte negli anni sono state importanti per la mia formazione musicale, da ognuna di esse ho davvero imparato molto.

Come nascono i Vandroya? Cosa ti ricordi dei primi anni della band?

Ricordo che ci divertivamo molto, come tutt'oggi facciamo. Agli inizi, eravamo solo un gruppo di ragazzini che suonavano cover delle tracce preferite dei loro idoli. Provavamo solo per divertirci e ricordo che avevamo una regola che diceva che ognuno di noi doveva nominare ogni settimana una canzone per la prova successiva, e così via. Così ogni settimana avevamo 6 nuovi brani da eseguire (i Vandroya già allora avevano sei componenti) di realtà come Dream Theater, Symphony X, Dio, Black Sabbath, Angra, Sonata Arctica, Helloween, Gamma Ray, Dr. Sin, solo per nominarne alcune. Tutto ciò lo facevamo solo per puro divertimento, ma abbiamo imparato molto e certamente tutte queste band sono finite poi per influenzarci, dal modo in cui canto, al modo in cui scriviamo le canzoni.

Come nascono generalmente le vostre canzoni?

Partono generlamente da un riff, o da un pezzo portato da un componente, dopo di che vengono “Marcolizzate”, come mi diverto a dire, perchè Marco Lambert è il ragazzo che ha più talento nel comporre e portare il tutto al massimo, è un genio.

Come descriveresti la tua band a chi non la conoscesse?

Non sappiamo esattamente come descrivere la nostra sonorità, ma forse definirei i Vandroya come una power metal band con qualche intervento progressive in essa. Ci piace molto esplorare più stili possibile, quindi non credo saremo mai in grado di etichettarci, perchè non sapremo mai come faremo, non possiamo proprio prevedere cosa creeremo volta dopo volta.

Within Shadows (2005), il vostro primo EP,  fu subito ben accolto dalla critica. Perchè poi ci è voluto così tanto tempo ad avere il vostro primo full-lenght?

Perchè abbiamo dovuto affrontare diversi problemi dopo l'uscita dell'EP. La nostra formazione è cambiata molte volte, ci siamo trovati senza soldi, supporto e senza tante cosa di cui una band necessita per tirare avanti. Così la cosa migliore al tempo è stata quella di fermare le attività, e questa fu certamente una scelta azzeccata, perchè credo che nel 2006 non fossimo pronti a comporre e lanciare adeguatamente l'album.

E adesso eccoci a "One", il vostro debutto! Siamo tutti rimasti scioccati e stupiti dalla sua qualità e dalla bellezza delle sue tracce. Onestamente, vi aspettavate tutto questo successo?

Onestamente, no, perchè era il nostro primo album e nessuno ci conosceva ancora, quindi è stata davvero una grande sorpresa, tutto ciò che è successo. Siamo molto soddisfatti.

Pubblicherete un video promozionale per il disco?

Lo abbiamo girato poco tempo fa, per il brano Why Should We Say Goodbye, filmato in un solo giorno, con poco budget ma un ottimo risultato. Filmare un video era uno dei miei obiettivi e sono fiera di averlo fatto.

Nella mia recensione di "One" ho definito la tua voce come "una sorta di versione femminile del cantante Tommy Karevik per come si confronta con questa musica con una estensione da fuoriclasse e carisma, aggressività e eleganza da tigre". Ti ritrovi in questa descrizione? Se no, quali credi siano le tue maggiori doti?

Grazie per le tue parole, mi onorano. Do sempre il massimo per cantare nel modo in cui lo faccio. E' molto viscerale e ad ogni concerto penso "è l'ultimo concerto della tua vita, ragazza, quindi fai del tuo meglio". Non so come definire la mia voce, so solo di avere molto rispetto per i pezzi che canto e che cercherò sempre di dare il meglio su di essi.

Suonerete in Italia per promuovere il disco?

Ci piacerebbe molto. Amo particolarmente il vostro Paese; una parte della mia famiglia viene dall'Italia. Ma nulla è stato organizzato per ora.

Ok, torniamo a parlare di te. Hai intenzione di pubblicare un album solista in futuro?

Non saprei. Certamente ci ho pensato, ma non è una priorità al momento, perchè tutti i miei sforzi sono dedicati ai Vandroya. Forse un giorno, con calma, ci penserò con più convinzione.

Premetto che non c'è alcuna malizia in questa domanda. E' però evidente che nel business musicale di oggi conta molto avere un bel look e un bell'aspetto. Quanto essere una bella ragazza può averti aiutato all'inizio della tua carriera?

Non ha ne favorito, ne rallentato la mia carriera. Ma capisco cosa vuoi dire e devo condividere la tua idea, ammettendo che un bell'aspetto ti aiuta a farti notare. Ma secondo me questo è l'unico aiuto che un bel look ti può dare in questo mondo. Il resto dipende dal talento della band e su come sono efficaci o meno le tue canzoni.

Se posso chierti qualcosa sulla tua vita privata, chi è Daisa nella vita di tutti i giorni?

La mia vita si basa su di una pace agitata, dormo meno di quanto vorrei e sono sempre in ritardo, perchè devo unire la mia carriera da cantante con il mio lavoro nel mio negozio di forniture. Ma nonostante le sesisoni di registrazione e gli show, ho una vita semplice e comune, sono una ragazza normale che si sveglia presto al mattino per andare in palestra.

Prima di concludere, alcune domande che amo ripetere a tutti i miei intervistati. Cosa ne pensi della scena musicale della tua regione e del tuo Paese?

La scena heavy metal in Brasile è piena di alti e bassi, ed è così fin dagli 80s. Ma nonostante le difficoltà che dobbiamo affrontare, la formazioni continuano ad emergere e molte hanno davvero tanta qualità e album ben prodotti. Ma non c'è supporto o sponsor, ed è davvero raro che una band ottenga opportunità serie qui.

Cosa ne pensi del business musicale di oggi? E di Internet?

E' complicato perchè ci sono molti aspetti da valutare. Ma c'è una mentalità del 'gratuito' che sta andando avanti, e certamente questa ferisce il mercato. Le vendite sono variate e di conseguenza la band perdono risorse e devono pagare sempre più debiti per registrare gli album, ad esempio, e altrettante realtà si sciolgono per la mancanza di forze, ma c'è anche un aspetto positivo: più un disco è scaricato più è conosciuto, e quindi forse una band ha la possibilità di diventare più grande e più rispettata con le sue successive pubblicazioni.

Grazie molte per il tuo tempo dedicatoci. Se vuoi aggiungere qualcosa, sentiti libera di farlo

Voglio soltanto ringraziare tutti voi italiani per la gentilezza e il supporto con cui avete apprezzato l'album. Seguite i Vandroya su facebook.com. Grazie per questa intervista, è stato un piacere.



Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.