The Metal Fest Chile 2013 - Giorno 1

La redazione di Rock-Metal-Essence.com è stata contattata in via del tutto esclusiva dal fotografo e giornalista cileno Iván Vega di Chileconcert.cl che ha regalato alla nostra pagina il report completo della doppia giornata del festival The Metal Fest, tenutasi a inizio aprile 2013 alla Movistar Arena di Santiago del Cile.

Sul palco dell'evento si sono alternati grandissimi nomi e gruppi internazionali di genere metal, per un susseguirsi di emozioni che il nostro corrispondente ci ha raccotnato sia attraverso immagini, sia attraverso le sue stesse parole. Iniziamo ora con il primo giorno del festival.. buona lettura!

Testo e immagini di Iván Vega di Chileconcert.cl. Traduzione a cura di Emanuele Risso.

Sabato 13 aprile 2013 - Movistar Arena, Santiago del Cile

Santiago ha ormai la fama di essere una delle capitali sudamericane del rock e metal, con moltissimi eventi di primo livello che destano l'attenzione di tutti.

A testimonianza di ciò, abbiamo visto come tali eventi abbiano girato il mondo grazie ad artisti come Iron Maiden o Motörhead, che hanno deciso di registrare i loro DVD ufficiali in Cile.

The Metal Fest, uno dei festival più importanti del Cono Sud, è una prova inconfutabile di tutto questo. Della durata di 2 giorni, il Metal Fest non manca mai di artisti importanti: l'edizione 2012 vantava, tra gli altri, nomi come Kreator, Anthrax, Volbeat, Testament, Venom e Obituary, mentre nel 2013 ha sorpreso tutti con la prima volta in Cile del Devin Townsend Project, oltre a Down, Carcass, Morbid Angel, Twisted Sister e momenti di culto come la breve reunion dei Corrosion of Conformity con Pepper Keenan o dei Lock Up con Dan Lilker. A dir poco notevole!

A seguire un riassunto dei momenti salienti dell'ultima edizione.

LOCK UP

La band di Tomas "Tompa" Lindberg apre la giornata di sabato, davanti a un pubblico in trepida attesa per la presenza di Shane Embury, Nick Barker e del cileno Anton Reisenegger, che suonano come una raffica di mitragliatrice pezzi come Brethren of the Pentagram, Slaughterous Ways, Violent Reprisal, Accelerated Mutation e Submission. L'ex At the Gates dedica alcune parole al compianto Jesse Pintado, chiedendo al pubblico se gli piacerebbe qualcosa della vecchia scuola. Quel che segue è un momento di quelli che si vivono di rado: Dan Linker si palesa sul palco e vengono interpretate Storm of Stress e Fear of Napalm dei leggendari Terrorizer. Non c'è altro da aggiungere!

ARCTURUS

I norvegesi arrivano in Cile a presentare una messa in scena un po' fuori dal comune nelle nostre terre: una distesa di suoni malinconici accompagnano la presentazione con un loquace ICS Vortex (ex Dimmu Borgir) che mette in mostra la sua proposta di black metal sinfonico, che conta su un gran numero di appassionati in tutto il Sudamerica. Jan Axel Blomberg, conosciuto ai più come Hellhammer (Mayhem, Dimmu Borgir), fa sfoggio del suo curriculum con una batteria che a tratti domina la scena, e interpretando canzoni come Alone, Nightmare Heaven, Hibernation Sickness, Painting My Horror, Chaos Path. L'oltretomba si manifesta, a tratti sembra una sorta di messa nera o rituale pagano. Con un pubblico completamente rapito, chiudono la loro performance con Master of Disguise ed escono tra gli applausi.

CORROSION OF CONFORMITY

Una delle band più attese del Metal Fest per la loro prima comparsa in Cile e in tutto il Sudamerica. Sicuramente molti sono venuti dal Brasile o dall'Argentina solo per assistere a questo fantastico live che stupisce davvero tutti con la sua incredibile energia.

Dopo un paio di anni senza nuove pubblicazioni, la band inizia la sua scarica di energia con Psychic Vampire, tratta dal nuovo album omonimo, e ha seguito con Technocracy, Deliverance, The Doom e The Moneychanges, con un Reed Mullin del tutto elettrizzato e al tempo stesso sorpreso dall'accoglienza del pubblico cileno.

Come se non bastasse i Down si sono presentati lo stesso giorno, a conferma delle voci insistenti riguardo la reunion tanto attesa e ormai imminente. Pepper Keenan sale sul palco per interpretare Señor Limpio e Vote with a Bullet: il sogno è diventato realtà. Il miglior amico di James Hetfield ci dà una lezione di southern groove che si chiude lasciando tutti soddisfatti, tra applausi e richieste di bis! Un'esibizione leggendaria.

SODOM

I tedeschi fanno capire che il tempo, per loro, non passa mai. I quasi 50 anni di Tom Angelripper sono solo un numero che non ha nulla a che vedere con quello che può regalare l'energia che scorre nelle sue vene. Il trio germanico attacca come un carro armato sul campo di battaglia a colpi di classici della vecchia scuola più pura, con Nuclear Winter, Outbreak of Evil, Agent Orange, Blasphemer, In War and Pieces, e propongono per la prima volta Stigmatized, inedito tratto dall'album prossimo all'uscita Epitome of Torture.

I Sodom in Cile sono una band molto amata, e questo è dovuto anche alla vicinanza dimostrata dalla band ai suoi fan, dicendo che "quella cilena è una delle platee migliori"; può sembrare un cliché, ma vedendo il live e la spinta del pubblico, alla fine ci credi davvero. Grandi Sodom e grandi i loro fan che non hanno mollato un istante.

MORBID ANGEL

Ormai i Morbid Angel sono una delle band "di casa", visto che sono già venuti in diverse occasioni a suonare per i fan cileni. Ormai hanno raggiunto una grande affinità con i loro sostenitori più accaniti che riempono l'arena. Non possono mancare i loro classici come Immortal Rites, Maze of Torment, Lord of All Fevers and Plague, Chapel of Ghouls...sembra quasi una rievocazione di Altar of Madness. David Vincent, con il suo caratteristico carisma, non dà tregua e prosegue con Fall From Grace e la sublime Where the Slime Live, cantata da tutto il pubblico. Forse la nota dolente sono le canzoni del disco Illud Divinus Insanus (Existo Vulgoré e Nevermore) che, nonostante siano ottime canzoni, il pubblico sembra lasciarle passare con indifferenza. Trey Azagoth è un dio che ruba gli sguardi degli amanti del death metal e della chitarra. Più avanti suonano God of Emptiness e World of Shit, che concludono la brutale giornata dell'Angelo della Morte. Imperdibile.

TWISTED SISTER

La band di Dee Snider sale sul palco con un pubblico ancora carico di brutal death metal, ma fin dal primo secondo e al primo accordo di You Can't Stop Rock & Roll, il rock si impadronisce della massa e persino i colleghi musicisti degli altri gruppi, tra cui Phil Anselmo, assistono da dietro le quinte facendo headbanging al ritmo dei loro pezzi.

Classici come The Price e Burn in Hell fanno rivivere i migliori anni '80, quando la musicassetta era legge e il video I Wanna Rock era un capolavoro dell'epoca.
Uno dei punti più alti della serata è il classico We're Not Gonna Take It, durante il quale Snider chiede al pubblico di cantarla come ha già sentito altrove in Sudamerica, con il coro in spagnolo "Huevos con Aceite" ("palle sott'olio", ndt).

Memorabile il tentativo di Dee che, volendo comunicare in spagnolo, chiede aiuto al compagno Eddie "Fingers" Ojeda. I Twister Sisters sono una di quelle band che ti preparano a fare festa e a passare una delle più belle serate della tua vita. Uno show di altissimo livello.

DOWN

La band di Phil Anselmo chiude la prima giornata di questo Metal Fest 2013, con un pubblico che sa che non si tratta di una band qualunque. L'ultima volta che hanno fatto visita in Cile, i Down hanno lasciato molti con la voglia di ripetere l'esperienza. Il gruppo apre la loro esibizione con Lysergik Funeral, con Anselmo un po' nervoso a chiedere più impegno al pubblico, senza comprendere il fatto che tra gli spettatori c'è gente in piedi da 9 ore. A ogni modo ciò non gli ha impedito di dedicare Pillars of Eternity all'amico Dimebag Darrel.

In scaletta anche Lifer, Witchripper, Losing all, Ghosts Along Missisipi, New Orleans is a Diying Whore, Eyes of the South, e l'abusata hit dei Pantera Walk - che in realtà nessuno ha chiesto - una parte dell'eredità di Anselmo che il cantante tenta di rivivere ogni volta che si presenta con i Down.
Il fatto curioso della serata è il compleanno di Kirk Windstein, con l'intera arena a cantargli "Buon compleanno", o Anselmo che chiede fumo al pubblico provocando una pioggia di sigarette sul palco. Una trovata scenica che funziona molto bene!

Da sottolineare che negli intervalli del festival, su un palcoscenico esterno vengono presentate alcune delle migliori band cilene, e che l'organizzazione e la tempistica da orologio svizzero soddisferebbero gli standard dei migliori festival europei. Voto alla prima giornata: 7.

Prosegui con il secondo giorno del festival cliccando qui.

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.