Michael Tenten (Ayscobe) - Intervista

Michael Tenten è il leader degli Ayscobe (http://www.michatenten.de/en/), una formazione progressive rock tedesca fondata nel 2003 e trasformatasi, crescendo con il passare degli anni, fino a diventare una solida realtà musicale.

Nel 2011 l'album di debutto Beside Yourself. In questa intervista, Michael ci ha parlato della sua musica, del suo stile e della sua concezione del mercato discografico. Come sempre, buona lettura!

Ciao Michael! E' un piacere per me intervistarti e darti il benvenuto sul mio sito Rock Metal Essence!

Ciao, è un piacere anche per me poter rispondere alle tue domande!

Prima di tutto, come è nato il progetto Ayscobe?

Era un hobby! Abbiamo iniziato nel 2003 o nel 2004! Semplicemente jammando un po', e poi un giorno abbiamo inziato a lavorare su canzoni molto buone e lentamente questo lavoro ci ha sempre più catturati! Dopo credo un anno di prove e composizioni abbiamo iniziato a fare concerti in piccoli club vicino Gammertingen, nello Schwäbischen Alb! Il nostro primo grande concerto (grande per noi) è stato al Riedlingen "Insel Fest" ed è stato quello che c'ha dato l'incentivo finale per provarci!

Quali sono le band e gli artisti che più ti influenzano?

Sono molti anche se qualche volta una sola canzone può stimolarmi per mesi! Ma credo che realtà come i Rainbow siano una grossa influenza nel mio stile, e anche DIO, i Pink Floyd, i Savatage e la lista è quasi senza fine! Quando mi appassiono alla melodia di una grande canzone, cerco di capire come funziona, e di domandarmi perchè sia entrata nella mia testa e non ne voglia uscire! E' il suo potere, la melodia o solo un piccolo verso? E finisco a studiare la canzone! Non c'è influenza migliore che una grande idea!

Nel 2011 gli Ayscobe hanno pubblicato il loro disco d'esordio "Beside Yourself". Cosa ricordi di quei giorni?

Sono stati momenti duri! La mia ragazza mi aveva appena lasciato e dovevo trovarmi una nuova casa mentre lavoravamo al disco praticamente ogni giorno! Ma appena lo completammo provai una grande gioia. Quando ci penso adesso, mi domando come ho fatto a gestire tutto ciò, lo studio mobile aveva visitato quasi tutto il sud della Germania, no, non tutto, ma quasi tutte le maggiori città da Tübingen a Stoccarda. Da un lato è stata dura, dall'altro è stato fantastico, parlare con tante persone, farsi aiutare da gente che mai avevo visto prima! E l'avventura è sempre meglio di stare a non far nulla e trascorrere giornate noiose! In fin dei conti è difficile dire cosa provo! Perché tutti vivono tre momenti: l'opinione personale, l'opinione che ti fai quando ci ripensi, e dopo un anno qualcosa di brutto che ti è successo si trasforma in domande. Ho imparato qualcosa da tutto questo, o è tutta roba sprecata?

Come nascono normalmente le tue canzoni?

Seguo due vie! La prima è pensare a una melodia per le parti vocali e concentrarmi poi su questa fino a che non trovo un buon riff di chitarra ritmica da suonarci su per finire dove voglio arrivare! La seconda è quella che uso più spesso, prendo la chitarra e provo dei riff finchè non ne trovo uno che mi piaccia! E poi devo trovare la ritmica, il resto della musica e poi cantarci la melodia sopra, il testo spesso arriva da solo!

Quali sentimenti vuoi che la tua musica stimoli nell'ascoltatore?

Diversi, ci sono volte che vi vedo ascoltare la musica, aprire le vostre menti e sorridere o fare altre cose che mi mostrano il vostro interesse! Ma mi piace anche quando vi agitate e squotete la testa e urlate! Cercherò di darvi sempre qualcosa su cui possiate riflettere e farò del mio meglio per riempire il vostro mondo con questa musica! E magari ci sarà un giorno in cui riuscirò a evocare tutte e tre le cose nella stessa platea!

Negli anni settanta c'è stata una scena molto fiorente di progressive italiano. Hai mai ascoltato band come la PFM, Le Orme o i Banco del Mutuo Soccorso?

No, non li ho mai ascoltati. Sono un po' egoista, quando ascolto musica sento solo roba che conosco e quando qualcuno mi consiglia un qualche artista che non conosco deve insistere tantissimo prima che io inizi a sentirlo! E non imparo mai! Molta della musica che mi consigliano si rivela brillante! Tutti hanno un lato oscuro e credo che questo sia il mio!

Tra i vari concerti degli Ayscobe ce n'è uno che ricordi con più affetto?

Si, il concerto allo FMZ di Stoccarda l'anno scorso è stato favoloso! Abbiamo cercato di raccontare l'intera storia sul palco accompagnandoci con i ballerini della Tanzimpuls Ludwigsburg, è stato molto divertente. Sicuramente nel fare uno show così perdi il tuo ruolo di frontman, ma di contro diventi parte di un vero e proprio evento per il pubblico!

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? State lavorando a un nuovo album?

Si, sto lavorando al nostro secondo album, le tracce demo sono quasi finite e sto attendendo che mi comunichino la data in cui potremo registrare la batteria! Se la vita sarà buona con me saremo pronti per la fine dell'anno. E faremo anche qualche concerto lungo l'Europa. Speriamo che vada tutto bene!

Infine, alcune domande che normalmente mi piace fare. Cosa pensi della scena musicale della tua regione e del tuo Paese?

La scena metal è fantastica, tutti i fan amano la musica e cercano di andare ad ogni concerto possibile, sono trattati come "star". Ma qui in Germania c'è un'ombra oscura sopra noi musicisti! Le persone non sanno che è anche un lavoro e quindi non riescono a rapportarsi con te in questo modo. Anche quando do lezioni di chitarra il pomeriggio a metà settimana, alcuni mi domandano cosa faccio nella mia vita e si stupiscono quando gli spiego faccio tutto ciò per lavoro. Questo è il motivo per cui è così difficile trovare musicisti che realmente vogliono fare questo mestiere, per molti è una sorta di hobby e niente di più perchè crescono con questa mentalità. Ma forse tutto cambierà un giorno quando ci ricorderemo dei geni musicali che vivevano nella nostra nazione, allora le nostre menti dovranno cambiare. Pensiamo agli "dei" della musica che erano di qua, Mozart, Beethoven, Bach, Schubert, ...! E' per questo che mi è difficile pensare che la gente ci veda in questo modo!

Cosa pensi del mercato musicale odierno? E di Internet?

Penso due cose! Di sicuro, abbiamo bisogno di soldi per vivere e quindi scaricare musica non è la cosa migliore da fare per aiutarci, ma allo stesso tempo siamo in grado di raggiungere molte più persone di 20 anni fa! E credo che questi show di casting siano errori, persone che vogliono diventare star e cantare di fronte alle telecamere sono più un gioco per me che una vera idea musicale. Credo che tutti coloro che seguono questa via abbiano una immagine ideale di star nelle loro teste che non può essere giusta, leggono riviste e le ragazze vogliono essere come le donne sui giornali e i ragazzi uguale. E se ci pensi, è come se tutti ci stessimo dipingendo di bianco! Verso una direzione dove il tappeto rosso è più importante delle canzoni che hai scritto.

Grazie del tempo che ci hai dedicato. Se vuoi aggiungere qualcos'altro, sentiti libero di dirlo!

Sicuro! Ascoltate la musica che amate, non la musica che dovete apprezzare. Una canzone che è in grado di colpirvi sarà sempre più grande di una da "mainstream". E grazie a tutti coloro che seguono la scena hard rock-metal, state bene, credo in voi!


Ringrazio Emanuele Risso per l'importante aiuto fornitomi in fase di traduzione dall'italiano all'inglese. 

Nessun commento:

Posta un commento

News musicali - Rock-Metal-Essence.com Designed by Templateism.com Copyright © 2014

© 2011-2014 Rock-Metal-Essence.com. Immagini dei temi di Bim. Powered by Blogger.